Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

Libera Suoneria

                                               MUSICA DA BALLO FRANCO OCCITANA

Gianni Castagno

Gianni (Giovanni) Castagno, torinese di natali , affascinato fin da bambino dalle storie e dai racconti della cultura popolare, s’interessa inizialmente di canto popolare seguendo i corsi tenuti, negli anni ’80, da Franco Lucà al “Centro di Cultura Popolare” di Torino e strimpella la chitarra per accompagnare i canti. Dopo un breve periodo di interesse per la danza afro-cubana, entra in “Baldanza”, un gruppo dove si propongono danze popolari. Nel 1989, venuto in contatto con uno sparuto gruppetto di “amanti delle danze occitane e francesi” si intriga a tal punto in queste ultime che per qualche anno segue assiduamente corsi e stages specialmente in Francia. E danza, sempre e ovunque.


Dal 1992 si impegna per la diffusione della danza e della musica franco-occitana a Torino, è fra i fondatori dell’associazione “Indanza” (della quale si occuperà fino al ’97) e collabora in varie associazioni all’organizzazione di corsi, stages e balli con musica dal vivo.


Sempre nel ’92 inizia a premere i bottoni della fisarmonica diatonica (organetto) sotto la guida di Beppe Greppi. E’ uno strumento che lo affascina perché gli evoca l’idea del suonatore popolare e con esso si possono eseguire contemporaneamente melodia ed accompagnamento. Inoltre è costituito da una materia che egli ama in modo particolare: il legno (e sarà di legno anche il suo primo ed ultimo CD, precisamente di castagno…). E’ uno strumento che egli ritiene intuitivo e facile da imparare (in seguito si rende conto che non è poi così facile quanto sembrava).


Suoi maestri sono Silvio Peron, Sergio Berardo, Patrick Cadeillan (al tempo organettista dei Perlinpinpin), ma per il resto anche autodidattica e anche tanta discontinuità poiché non ama suonare sempre, a tutti i costi e in mezzo al caos.


Gli piacciono le percussioni, in modo particolare il djambé (tamburo dell’Africa centro-occidentale) che talvolta usa in modo improprio per i ritmi delle “Bourrées”.


Un giorno incontra il flautista Giorgio Gallinucci e nasce il duo “Bardana” che durerà qualche anno.

Il nuovo millennio segna un’interruzione delle attività legate alla danza e alla musica; passeranno un paio di anni prima che la voglia di calpestare parquets e di suonare ritorni.

Nel 2006 con Alessandro prima, ed Enrico poi, il Gianni suonatore non-musicista si ‘compromette’ in nuove avventure musicali. Nasce ‘Libera Suoneria’.


Intanto è anche determinante l’interesse che riguarda le lotte per i diritti umani. Molto sentita la partecipazione alla causa No-Tav in valle di Susa dove spesso si trova a suonare nelle proteste anche sulla corsia di sorpasso dell’autostrada del Frejus…


Il 2013 lo vede partecipe nel teatro di impegno civile con la compagnia ‘Teatro di Terra’ (regia Paolo Senor) a suonare nel valsusino ‘Canto di Maddalena’, una rappresentazione che simboleggia la violazione della terra perpetrata dai cantieri per la costruzione della Torino-Lion in valle di Susa.

E proprio in valle di Susa, quando il tempo glielo permette, sale sulle ‘sue’ amate montagne per intrattenersi con folletti gnomi e fate che gli indicano la strada…

Frasi Celebri:

- " A questo pezzo bisogna fare attenzione, ci sono delle note lunghe e delle note corte!"

11 febbraio 2009 ore 23.05

0